18-09-2018: #barivolley2018 - La Serbia conquista tie break con la Russia, secondo posto nella pool e vola in Bulgaria

L'esultanza della Serbia per la vittoria con la Russia

 

Battaglia epica al PalaFlorio: Atanasijevic e Kovacevic spingono la Serbia alla vittoria, la Russia cade al tiebreak


Serbia - Russia 3-2 (25-21, 24-26, 25-17, 22-25, 15-12)
Spettatori 3400

Bari, Italy, September 18, 2018 - Con una strepitosa prestazione la Serbia batte la Russia al tiebreak (25-21, 24-26, 25-17, 22-25, 15-12), spinta dalle grandi prove di Aleksandar Atanasijevic e Uros Kovacevic, rispettivamente 23 e 21 punti. La squadra allenata da coach Grbic chiude dunque la pool C da seconda della classe, con un bottino di 12 punti che porterà con se a Varna per il secondo round mondiale.

Non sono bastati i 19 punti di Egor Kliuka e nemmeno i 17 di Maxim Mikhaylov alla Russia, che con 10 punti chiude le giornate baresi al terzo posto, valido per acocmodarsi a Milano nella pool E.

I riflettori del PalaFlorio di Bari illuminano l'ultima super sfida della pool C, quella incaricata di sbrogliare l'intricata matassa dell'equilibrio in vetta, quella tra l'armata russa, terza a quota 9 punti, e la corazzata serba, seconda a 10. Con gli USA a quota 13 ed il passaggio al secondo round ormai in cassaforte, spetta al campo il verdetto sulle posizioni finali e dunque sul cammino che aspetta le contendenti: secondo posto vuol dire volare in Bulgaria, a Varna, terzo significa invece raggiungere Milano ed i padroni di casa dell'Italia. Il numeroso pubblico del PalaFlorio può così assistere ad una vero e proprio scontro tra titani: Atanasijevic contro Mikhaylov, Lisinac e Podrascanin contro il gigante Muserskiy, e ancora Kovacevic e Petric, Volkov e Butko, insomma c'è l'imbarazzo della scelta di stelle e talenti in un unico rettangolo di gioco.

Coach Sergei Shliapnikov rinuncia inizialmente al regista Butko puntando su capitan Grankin, tra i serbi Petric parte dalla panchina in favore della coppia di schiacciatori Kovacevic e Ivovic. La gara è entusiasmante fin dai primi pirotecnici scambi, la Russia forza il servizio e mostra nel complesso qualcosa in più, tenendo una manciata di punti di vantaggio, prima che il doppio ace di Uros Kovacevic riavvicini la Serbia, sotto 13 a 16 al secondo timeout tecnico ma pronta ad impattare il 17 pari. Sulle ali dell'entusiasmo la carica serba prosegue, Aleksandar Atanasijevic fa partire una seatta per l'ace del primo set-point, trasformato poi nel 25-21 dell'1 a 0. La Russia risponde con i vantaggi del 5-8 e 11-16 ai tempi tecnici ma, come nel parziale precedente, la Serbia mette incampo impressionanti capacità di recupero: l'assolo di Ivovic guadagna terreno e Lisinac centra il pari, accendendo il finale in cui a spuntarla sono i russi 24-26. Atanasijevic infrange nuovamente i limiti di velocità al servizio, la Russia è costretta ad inseguire per tutto il terzo set, inserisce Butko al palleggio, lo schiacciatore Berezhko e l'opposto Poletaev, ma sono i serbi prevalere 25-17 e a condurre 2 a 1. Come nel più emozionante degli epiloghi, i russi tuonano il proprio orgoglio, impattano il pari 22-25 e rimandano il verdetto al tiebreak. La standing ovation finale del PalaFlorio è il giusto tributo per omaggiare la lunga battaglia appena consumata, che alla fine premia la Serbia sul punteggio di 15-12, ovviamente in rimonta, ovviamente con l'ace conclusivo di Atanasijevic.

Dichiarazioni

Sergei Shliapnikov (Head Coach Russia): "È stata una partita durissima, soprattutto sul piano psicologico. In questi cinque set, l'andamento della gara è stato molto altalenante. C'è senza dubbio tanta delusione. Tutte le nostre attenzioni erano rivolte a questo match. In questa pool C, la mia squadra si è allontanata parecchio da quella che tutti hanno ammirato durante la Volleyball Nations League".

Marko Podrascanin (Centrale Serbia): "Questa sera abbiamo ottenuto una grande vittoria contro la nazionale più forte del mondo. Chiudiamo al secondo posto una pool C davvero difficile, determinati a dare il massimo nella fase successiva. Siamo contentissimi del percorso compiuto sinora, ci prepariamo al prossimo girone contro Argentina, Francia e Polonia. Ci attende la Bulgaria, ma vogliamo tornare il prima possibile in Italia".


Video

18-09-2018: #barivolley2018 - Le voci della Russia nel post Serbia-Russia -> https://youtu.be/Nx3x6eelxYY
18-09-2018: #barivolley2018 - Le voci della Serbia nel post Serbia-Russia -> https://youtu.be/RLGhK2GkyQg